A023 – Gerli Agostino – IL DOLORE E LA DISPERAZIONE da MichelangeloA023 – Gerli Agostino – IL DOLORE E LA DISPERAZIONE da Michelangelo

a023

IL DOLORE E LA DISPERAZIONE da Michelangelo

Cod.: A023

Autore: Gerli Agostino

Agostino Gerli – Primogenito di Paolo e Anna Tagliabue, nacque a Milano nel 1744. Nel 1759 fu a Bologna alla scuola di Ercole Lelli, pittore, architetto, incisore e direttore della locale Accademia di belle arti. Nel 1764 si trasferì a Parigi dove fu allievo e aiuto dello scultore e decoratore H. Guibert, che lavorava ai progetti dell’architetto J.-A. Gabriel. Nei cinque anni che trascorse in Francia il G. eseguì numerose opere di decorazione, tra cui quelle destinate alle residenze reali, come si ricava dai suoi Opuscoli pubblicati a Parma nel 1785 (p. 38), che costituiscono la fonte principale per la biografia del G.; altre indicazioni sulla produzione in Francia dell’artista si ricavano dai disegni e dagli appunti di sua mano raccolti in un Album di 14 pagine conservato presso la Biblioteca Ambrosiana di Milano (Baccheschi). Come voleva la moda enciclopedica del suo tempo, il G. si dedicò alle più svariate attività dimostrando una notevole versatilità d’ingegno. Insieme con i fratelli Giuseppe e Carlo Giuseppe, suoi stretti collaboratori in numerose imprese, costruì una macchina aerostatica su modello di quella ideata nel 1783 in Francia dai fratelli Montgolfier.
Il Gerli morì il 3 giugno 1821 nella sua casa della contrada di Ponte Vetero, a Milano.

Epoca: 1810

Tecnica: Xilografia tre colori

Misure: 360 x 220 mm. (Misura del foglio 400 x 275 mm.)

Descrizione: Il dolore e la disperazione – copia d’uno studio dipinto da Michelangelo Bonarroti. Dedicato a Giberto Borromeo. Inciso e datato Milano 1810. Foglio stampato su carta vergellata. Ottima impressione, con buoni margini. Riparazione vecchio strappo in alto a destra. Sul retro etichetta di collezione/biblioteca (21/691).

 IL DOLORE E LA DISPERAZIONE da Michelangelo

Cod.: A023

Autore: Gerli Agostino

Agostino Gerli – Primogenito di Paolo e Anna Tagliabue, nacque a Milano nel 1744. Nel 1759 fu a Bologna alla scuola di Ercole Lelli, pittore, architetto, incisore e direttore della locale Accademia di belle arti. Nel 1764 si trasferì a Parigi dove fu allievo e aiuto dello scultore e decoratore H. Guibert, che lavorava ai progetti dell’architetto J.-A. Gabriel. Nei cinque anni che trascorse in Francia il G. eseguì numerose opere di decorazione, tra cui quelle destinate alle residenze reali, come si ricava dai suoi Opuscoli pubblicati a Parma nel 1785 (p. 38), che costituiscono la fonte principale per la biografia del G.; altre indicazioni sulla produzione in Francia dell’artista si ricavano dai disegni e dagli appunti di sua mano raccolti in un Album di 14 pagine conservato presso la Biblioteca Ambrosiana di Milano (Baccheschi). Come voleva la moda enciclopedica del suo tempo, il G. si dedicò alle più svariate attività dimostrando una notevole versatilità d’ingegno. Insieme con i fratelli Giuseppe e Carlo Giuseppe, suoi stretti collaboratori in numerose imprese, costruì una macchina aerostatica su modello di quella ideata nel 1783 in Francia dai fratelli Montgolfier.
Il Gerli morì il 3 giugno 1821 nella sua casa della contrada di Ponte Vetero, a Milano.

Epoca: 1810

Tecnica: Xilografia tre colori

Misure: 360 x 220 mm. (Misura del foglio 400 x 275 mm.)

Descrizione: Il dolore e la disperazione – copia d’uno studio dipinto da Michelangelo Bonarroti. Dedicato a Giberto Borromeo. Inciso e datato Milano 1810. Foglio stampato su carta vergellata. Ottima impressione, con buoni margini. Riparazione vecchio strappo in alto a destra. Sul retro etichetta di collezione/biblioteca (21/691).

Prezzo: Euro 150